Toybiz Marvel Legends Serie Serie Serie 3 DArossoEVIL Dare Devil Action Figure 18 cm MOC, 2005 a8e9a9
Visto dall'architetto
Condizione:
Nuovo: Oggetto nuovo, non usato, non aperto e non danneggiato. Per ulteriori dettagli vedi ... Maggiori informazionisulla condizione
Marca: ToyBiz
MPN: Non applicabile EAN: Non Applicabile
HOMEPAGE > Città > Bologna > Riqualificazione energetica degli edifici

Toybiz Marvel Legends Serie Serie Serie 3 DArossoEVIL Dare Devil Action Figure 18 cm MOC, 2005 a8e9a9

VINTAGE A-TEAM GALOOB 1983 Combat Attacco Girocottero in Scatola Completo GABAR CIRILLA bambola doll con certificato di battesimo CABBAGE PATCH STYLE 34,DRAGON BALL - Accesorios cabezas custom Goku y Vegeta SSGSS para SHF Figuarts,DRAGO SDENTATO DELUXE CON LUCI E SUONI DRAGONS IL MONDO NASCOSTO SPIN MASTER,Reavvio Action Figure HEXADECIMAL e dischetto d'identità GiGSTUDIO PETS Gatto Peluche in Valigetta, 6213 (V5e),BraveStarr Tex Hex (Vintage MATTEL 1986) LOOSE,BOB MINION AVEC SA OURSON MASCOTTE 25cm PELUCHE YEUX en (i4G)BATTLE RAM + ZODAC MOTU HE MAN MASTERS OF THE UNIVERSE MATTEL VINTAGE,NITRO SUPER SONIC - FIGURA SONICO COWGIRL SONICO FIGURE 26cm,Unbekannt Death Note - Peluche XXL, 45 cm (x6y)Pokemon Center Original Pikachu & Eievui's Pasqua Mascotte W Ciondolo Eevee,McFarlane Toys 10 successe cose più strane SERIE TV Demogorgone Action Figure,Learning Resources Fun Fish Counters (c0i),MODEL SET JAPAN SENTAI TOKUSATSU MASKED RIDER KIVA-FIGURES,MOTO BIKE robot,kamen,FIGURE FULLMETAL ALCHEMIST ROY MUSTANG SPECIAL 20 CM FULL METAL ANIME FURYU 1Kamen Rider Robot Toys Garden,1 6 SCALA Giapponese Ninja Blade ARMA Samurai Spada Giocattolo per 12 Pollice Figura,POWER Rangers MEGAFORCE - 4 - Blu Nero Giallo Rosso Robo Knight vrax BAVANECA PROMETEO SERIE 4 perso WAVE Sean Fifield 7 Action Figure BN,ALIENS Figura Xenomorph Albino drone 23 cm Series 9 -Neca 9 in blister,PERSONAGGIO BUMBLEBEE GUARDIAN KNIGHT TRANSFORMERS RESCUE BOTS PLAYSKOOL HEROES,Figura Fate Stay Night Saber Anime 18 Cm Armadura Pvc Figure In Box,LA MERCENAIRE, Figurines érossoiques EL VIEJO DRAGON 1 20 - 90 mm - Réf. AS9-48STAR Wars Forza LINK Imperatore Palpatine SIGILLATO Nuovo Di Zecca RARO Nuovo di zecca,Stranger Things - 8-bit Eleven Funko Pop personaggio (Exclusive),GW JM2197286 MRKB 3 RABBID YOSHI FIGWWE NXT Giocattolo Bambini Campionato Cintura (H9M),FIGURE WRESTLING WWF 90-HULK HOGAN HULKSTER HULKMANIA HUG MOSSA,ULTIMATE WARRIOR,Transformers Prime Rumble Mosc Nuovo Deluxe Rid Hasbro,

Le nostre case possono essere comode e sicure, ben isolate e correttamente soleggiate oppure possono essere scomode e dispendiose, troppo calde d’estate o fredde in inverno; possono contribuire a migliorare la nostra qualità di vita o, al contrario, pesare significativamente sulla spesa familiare per raggiungere minimi livelli di benessere e contribuire enormemente all’inquinamento urbano determinato dagli impianti di riscaldamento, che bruciano combustibili fossili.

Le nostre case possono essere comode e sicure, ben isolate e correttamente soleggiate oppure  possono essere scomode e dispendiose, troppo calde d’estate o fredde in inverno; possono contribuire a migliorare la nostra qualità di vita o, al contrario, pesare significativamente sulla spesa familiare per raggiungere minimi livelli di benessere e contribuire enormemente all’inquinamento urbano determinato dagli impianti di riscaldamento, che  bruciano combustibili fossili.

L’innovazione ambientale rappresenta la via più interessante e utile per risollevare il settore immobiliare e dell’edilizia nel suo complesso, grazie alle notevoli opportunità che offre anche in termini occupazionali ed economici.

Ci sono anche alcune tecnologie che vengono in aiuto: ad esempio la termografia,ovvero  una sorta di radiografia a colori che consente di capire come sono costruiti gli edifici sotto il profilo dell’isolamento termico, e quindi di svelare la qualità o meno degli edifici in cui viviamo o lavoriamo.

Uno strumento nuovo al quale ricorre Legambiente con un obiettivo semplice e preciso: mostrare i vantaggi degli edifici ben costruiti e gli svantaggi di quelli costruiti in modo scorretto.

Non esiste, oggi, alcuna ragione, economica o tecnica, che impedisca di realizzare esclusivamente edifici di classe A che,col contributo di pannelli solari termici o fotovoltaici, odi  altri impianti alimentati da fonti rinnovabili azzerano sostanzialmente la spesa delle famiglie legata all’energia.

Sono oramai migliaia gli edifici certificati in Classe A in cui l’incidenza sul  costo di costruzione rispetto a un edificio tradizionale varia dal 5 al 10%.

Il risparmio in termini di risorse energetiche conseguente all’efficientamento del patrimonio edilizio esistente, oltre a migliorare la qualità della vita di chi ci abita, porta ad indubbi vantaggi sulla qualità dell’aria delle città, con un minor utilizzo di energia per il riscaldamento invernale ed il raffrescamento estivo.
Sono stati esaminati 500 immobili in 47 città d’Italia, tra cui Bologna, Modena e Rimini: i risultati delle termografie effettuate su questi capoluoghi di provincia dimostrano come negli anni, anche  recenti, sia stata posta pochissima attenzione alla costruzione di edifici energeticamenteefficienti.
In Emilia Romagna, come in tante altre regioni del nostro paese, molti edifici realizzati negli ultimi 10 anni sono già obsoleti e rischiano una rapida svalutazione.

Per questo  è  indispensabile che l’Emilia Romagna si doti di una norma regionale contro il consumo di suolo, al fine di  favorire la riqualificazione, anche energetica, dell’esistente.

Di fronte a case che nel 2020 dovranno essere per legge a consumo praticamente nullo, il rischio è che i palazzi di recente edificazione,(tra gli anni 2000 – 2010) siano soggetti, come sopraddetto ,a una rapida svalutazione nonostante la loro giovane età, con inevitabili riflessi sugli investimenti  affrontati dai singoli cittadini per l’acquisto della loro prima casa: un prezzo altissimo d’acquisto, e futuri alti costi di gestione per riscaldamento e raffrescamento degli ambienti. Costi che in edifici costruiti in rispetto alle nuove norme, e cioè in classe energetica A e B, possono portare secondo alcuni studi effettuati, fino a 1000 euro di risparmio annuale sulle spese energetiche.

Molti sono gli edifici analizzati nelle tre città scelte per questo studio in Emilia Romagna  ( Bologna, Modena e Rimini) che, nonostante la loro recente edificazione, non sono certo all’avanguardia per quanto riguarda l’efficienza energetica.

Tra questi non mancano nemmeno strutture progettate da architetti di fama internazionale,come nel caso del polo commerciale e direzionale di Rimini: edificio con una chiara impronta architettonica, ma ideato con una scarsa attenzione ai temi dell’efficienza energetica.

L’analisi termografica ha riguardato edifici residenziali pubblici e privati, scuole e uffici, costruiti nel dopoguerra e altri più recenti. Sono state verificate le dispersioni di quelli già certificati di Classe A, di quelli ristrutturati, e di alcuni edifici costruiti dopo il 2000, ossia dopo l’adozione delle direttive europee in materia di risparmio energetico e isolamento. Su molti di questi immobili, nuovi e già vecchi, sono state evidenziate le carenze toccate da questo studio.

La regione Emilia Romagna ha legiferato ponendo delle prestazioni energetiche minime obbligatorie a nuovi edifici e grandi ristrutturazioni, anticipando le scadenze della legge Italiana che prevede  l’obbligo di coprire il 50% di fabbisogni di acqua calda sanitaria ed il 35% dei fabbisogni termici dell’edificio con fonti rinnovabili, oltre all’obbligo di produrre almeno 1kW di energia elettrica rinnovabile.

Elemento di attenzione però sono i controlli: nella nostra regione sono previsti controlli a campione su un minimo di 5% di edifici certificati. Questa misura è insufficiente a verificare la veridicità delle certificazioni, e rischia di aprire la strada a false certificazioni e a frodi per gli acquirenti. Occorrono quindi controlli veri ed indipendenti, in grado di dare certezze sull’efficienza energetica degli edifici. Inoltre lo strumento della certificazione energetica non è ancora diffuso ed adeguatamente compreso dai cittadini.

Negli ultimi vent’anni, nella nostra regione si è costruito troppo e male: è arrivato il momento di dare una svolta al settore edilizio, ormai in crisi profonda.

E’ indispensabile incentivare economicamente la rigenerazione urbana, e la riqualificazione energetica dell’esistente. Una strada da percorrere assieme a tutti i portatori di interesse: dai cittadini ai grandi costruttori :solo riconvertendo l' attività alle rigenerazioni e ristrutturazioni, si potrà  sopravvivere all’attuale crisi del mercato edilizio, preservando il lavoro in un settore ad ampio tasso di occupazione, e con importanti possibilità per la  ricerca applicata.

Strumenti