GEM TT GAUGE KIT KIT KIT BUILT LMS 4-6-0 ROYAL SCOTT CLASS LOCOMOTIVE KIT e9b319
Visto dall'architetto
Condizione:
Nuovo: Oggetto nuovo, non usato, non aperto e non danneggiato. Per ulteriori dettagli vedi ... Maggiori informazionisulla condizione
Brand: Tri-ang
Modified Item: No Power Supply: DC
MPN: T97 Gauge: TT
State of Assembly: Unassembled Kit Control: Analogue
Material: White Metal Type: Steam Locomotive
EAN: Does not apply
HOMEPAGE > Città > Bologna > Riqualificazione energetica degli edifici
GEM TT GAUGE KIT KIT KIT BUILT LMS 4-6-0 ROYAL SCOTT CLASS LOCOMOTIVE KIT e9b319GEM TT GAUGE KIT KIT KIT BUILT LMS 4-6-0 ROYAL SCOTT CLASS LOCOMOTIVE KIT e9b319

GEM TT GAUGE KIT KIT KIT BUILT LMS 4-6-0 ROYAL SCOTT CLASS LOCOMOTIVE KIT e9b319

H22100 Hobbytrain CIWL Set 1, 3-tlg Ostenda-Vienna-Express MERCE NUOVA MOLTO RARO,LOCOMOTORA DIESEL 316.017 verde y giallo Ep. IV - Electrossoren E2413,Coffret démarrage numérique HO MARKLIN - 29000BRAWA n. 43050 h0 E-Lok BR e 73 DRG e 73 01,Fleischmann 722007 CSD DIESEL 716 505-3 Arancione Ep IV Spur N 1 160 - NUOVO,ROCO HO 63709 elektrolokomotive e 40 504 AC-Corrente alternata b1620,VITRAINS set Due Piani “Casaralta” livrea XMPR, logo Trenitalia verde rossoNB WAGON C.V.FF. 921 M.C.J. 1 er CLASSE ECHELLE I EPOQUE BING CARETTE MARKLN,ROCO 73469 elektrolokomotive Reeks 20 SNCB, DIGITALE con SOUND. nuovi.PIKO 51762, elektrolokomotive BR 1110, ÖBB, NUOVO E OVP, h0,Märklin 42259 Insider treno rapido-Wagenset della DB 5 carri come nuovo e con imballo originale,PIKO 59180-h0-dc - e-Lok Vectron Transdev Sverige AB ep6 rosso con due pantograp,Fleischmann 4162 - BR 038 - 547.6 della DB,(usi028) Märklin 37625 AC h0 DIESEL BR 363 159-5 delle DB AG, MFX telex, OVP,Fleischmann 1426, 2x 1427 boxcars, 1435 Caboose, US-carri merci la raccolta, Nuovo, Confezione Originale,Loco diesel de ligne 1608 Renfe électrossoren,Massoth 8220052 Emotion XLS-ÖBB 2091,Traccia h0-DIESEL gp15 Canadian Pacific escluso DCC + SOUND - 19404 NUOVO,Märklin 37912.1 Br 03 DRG Epoca II Digitale Facile Usato,FLEISCHMANN ELETTRICI MOTORI AUTO et 91 TRENO VETRO , rosso, n 7808; OVP somo 1987Ibertren H0 2108 2000 de talgo ccBrekina 64211 - 1 87 h0 Sylter lt4 con alimentazione elettrica NIVEA - NUOVO,MARKLIN MäRKLIN 33532 DIGITAL DB CLASS BR 120 ART LOCO 120 039-1 MINT BOXED ne,Traccia h0-DIESEL EMD sd60m Burlington Northern DIGITALE con SOUND -- 19701 NUOVO,Märklin 37350 E-Lok BR 152, digitale, rumore elettronica Horn, OVP, Top,Faller 110111 h0 STAZIONE DI NEUSTADT (vino segmento) KIT NUOVO,GRAHAM FARISH 1805 WEATHErosso BR 4-6-0 CLASS 5 5MT LOCO 45296 MINT BOXED mzH0 traccia -- KIT Palazzo di Metropolitan -- 88003 NUOVO,ROCO h0 67876 56246 54294 BR 290 con 3x punte luce + 3x BAUZUG Carro DB AG Nuovo,Locomotiva a vapore Br 59 015 Rivarossi made in italy,

Le nostre case possono essere comode e sicure, ben isolate e correttamente soleggiate oppure possono essere scomode e dispendiose, troppo calde d’estate o fredde in inverno; possono contribuire a migliorare la nostra qualità di vita o, al contrario, pesare significativamente sulla spesa familiare per raggiungere minimi livelli di benessere e contribuire enormemente all’inquinamento urbano determinato dagli impianti di riscaldamento, che bruciano combustibili fossili.

Le nostre case possono essere comode e sicure, ben isolate e correttamente soleggiate oppure  possono essere scomode e dispendiose, troppo calde d’estate o fredde in inverno; possono contribuire a migliorare la nostra qualità di vita o, al contrario, pesare significativamente sulla spesa familiare per raggiungere minimi livelli di benessere e contribuire enormemente all’inquinamento urbano determinato dagli impianti di riscaldamento, che  bruciano combustibili fossili.

L’innovazione ambientale rappresenta la via più interessante e utile per risollevare il settore immobiliare e dell’edilizia nel suo complesso, grazie alle notevoli opportunità che offre anche in termini occupazionali ed economici.

Ci sono anche alcune tecnologie che vengono in aiuto: ad esempio la termografia,ovvero  una sorta di radiografia a colori che consente di capire come sono costruiti gli edifici sotto il profilo dell’isolamento termico, e quindi di svelare la qualità o meno degli edifici in cui viviamo o lavoriamo.

Uno strumento nuovo al quale ricorre Legambiente con un obiettivo semplice e preciso: mostrare i vantaggi degli edifici ben costruiti e gli svantaggi di quelli costruiti in modo scorretto.

Non esiste, oggi, alcuna ragione, economica o tecnica, che impedisca di realizzare esclusivamente edifici di classe A che,col contributo di pannelli solari termici o fotovoltaici, odi  altri impianti alimentati da fonti rinnovabili azzerano sostanzialmente la spesa delle famiglie legata all’energia.

Sono oramai migliaia gli edifici certificati in Classe A in cui l’incidenza sul  costo di costruzione rispetto a un edificio tradizionale varia dal 5 al 10%.

Il risparmio in termini di risorse energetiche conseguente all’efficientamento del patrimonio edilizio esistente, oltre a migliorare la qualità della vita di chi ci abita, porta ad indubbi vantaggi sulla qualità dell’aria delle città, con un minor utilizzo di energia per il riscaldamento invernale ed il raffrescamento estivo.
Sono stati esaminati 500 immobili in 47 città d’Italia, tra cui Bologna, Modena e Rimini: i risultati delle termografie effettuate su questi capoluoghi di provincia dimostrano come negli anni, anche  recenti, sia stata posta pochissima attenzione alla costruzione di edifici energeticamenteefficienti.
In Emilia Romagna, come in tante altre regioni del nostro paese, molti edifici realizzati negli ultimi 10 anni sono già obsoleti e rischiano una rapida svalutazione.

Per questo  è  indispensabile che l’Emilia Romagna si doti di una norma regionale contro il consumo di suolo, al fine di  favorire la riqualificazione, anche energetica, dell’esistente.

Di fronte a case che nel 2020 dovranno essere per legge a consumo praticamente nullo, il rischio è che i palazzi di recente edificazione,(tra gli anni 2000 – 2010) siano soggetti, come sopraddetto ,a una rapida svalutazione nonostante la loro giovane età, con inevitabili riflessi sugli investimenti  affrontati dai singoli cittadini per l’acquisto della loro prima casa: un prezzo altissimo d’acquisto, e futuri alti costi di gestione per riscaldamento e raffrescamento degli ambienti. Costi che in edifici costruiti in rispetto alle nuove norme, e cioè in classe energetica A e B, possono portare secondo alcuni studi effettuati, fino a 1000 euro di risparmio annuale sulle spese energetiche.

Molti sono gli edifici analizzati nelle tre città scelte per questo studio in Emilia Romagna  ( Bologna, Modena e Rimini) che, nonostante la loro recente edificazione, non sono certo all’avanguardia per quanto riguarda l’efficienza energetica.

Tra questi non mancano nemmeno strutture progettate da architetti di fama internazionale,come nel caso del polo commerciale e direzionale di Rimini: edificio con una chiara impronta architettonica, ma ideato con una scarsa attenzione ai temi dell’efficienza energetica.

L’analisi termografica ha riguardato edifici residenziali pubblici e privati, scuole e uffici, costruiti nel dopoguerra e altri più recenti. Sono state verificate le dispersioni di quelli già certificati di Classe A, di quelli ristrutturati, e di alcuni edifici costruiti dopo il 2000, ossia dopo l’adozione delle direttive europee in materia di risparmio energetico e isolamento. Su molti di questi immobili, nuovi e già vecchi, sono state evidenziate le carenze toccate da questo studio.

La regione Emilia Romagna ha legiferato ponendo delle prestazioni energetiche minime obbligatorie a nuovi edifici e grandi ristrutturazioni, anticipando le scadenze della legge Italiana che prevede  l’obbligo di coprire il 50% di fabbisogni di acqua calda sanitaria ed il 35% dei fabbisogni termici dell’edificio con fonti rinnovabili, oltre all’obbligo di produrre almeno 1kW di energia elettrica rinnovabile.

Elemento di attenzione però sono i controlli: nella nostra regione sono previsti controlli a campione su un minimo di 5% di edifici certificati. Questa misura è insufficiente a verificare la veridicità delle certificazioni, e rischia di aprire la strada a false certificazioni e a frodi per gli acquirenti. Occorrono quindi controlli veri ed indipendenti, in grado di dare certezze sull’efficienza energetica degli edifici. Inoltre lo strumento della certificazione energetica non è ancora diffuso ed adeguatamente compreso dai cittadini.

Negli ultimi vent’anni, nella nostra regione si è costruito troppo e male: è arrivato il momento di dare una svolta al settore edilizio, ormai in crisi profonda.

E’ indispensabile incentivare economicamente la rigenerazione urbana, e la riqualificazione energetica dell’esistente. Una strada da percorrere assieme a tutti i portatori di interesse: dai cittadini ai grandi costruttori :solo riconvertendo l' attività alle rigenerazioni e ristrutturazioni, si potrà  sopravvivere all’attuale crisi del mercato edilizio, preservando il lavoro in un settore ad ampio tasso di occupazione, e con importanti possibilità per la  ricerca applicata.

Strumenti